VERTIGINI E DISTURBI DELL’EQUILIBRIO

24 aprile 2018 by Albamedica
disturbi-dell-equilibrio-albamedica-albano-laziale-1200x627.jpg

Hai mai avuto la bruttissima sensazione che tutta la stanza intorno a te girasse?

Ti è mai successo di sentirti instabile o di “sbandare”?

La Vertigine è uno dei disturbi più comuni dei pazienti che si presentano allo studio di un medico o al primo-soccorso.

Facciamo un po’ di chiarezza.. Cerchiamo di capire che cosa sono

Si tratta di un’alterazione della percezione sensoriale dell’individuo, questo influisce sul movimento della persona dandogli un’errata percezione dello stesso, caratterizzato da perdita di equilibrio.

È una sensazione illusoria (cioè non reale) di movimento e possiamo distinguere in:

  • soggettiva: il paziente ha l’illusione di muoversi, di essere instabile, spesso riferisce di sentire “la testa vuota”, di non riuscire a mantenere l’equilibrio né una stabile direzione di marcia;
  • oggettiva: il soggetto vede l’ambiente circostante muoversi o con senso rotatorio (“la stanza mi gira intorno!”) o oscillante sul piano orizzontale o verticale.

Occorre sottolineare che le vertigini sono un sintomo e non una malattia e quindi si riferiscono a una disfunzione dell’apparato dell’equilibrio (o di sistemi cerebrali a questo connessi)

Da cosa sono causate??

Possono essere provocate da vari possibili fattori, quali:

  • Colpo di frusta: come avviene, per esempio, in un tamponamento automobilistico.
  • Artrosi cervicale: un lento processo degenerativo delle strutture ossee della colonna vertebrale (causato da scarsa attività fisica, traumi, scorrette posizioni lavorative)
  • Sindrome di Ménière: secondaria ad un aumento abnorme del liquido (“endolinfa”) situato dentro le strutture del “labirinto membranoso” dell’orecchio interno; la sintomatologia è caratterizzata da vertigini, diminuzione dell’udito e ronzio auricolare (acufeni).

È ormai riconosciuto che una delle cause primarie e più frequenti delle VERTIGINI trova la sua origine nel tratto cervicale. Da qui la definizione di VERTIGINI cervicali o cervicogeniche.

Come riconosco se davvero soffro di Vertigini Cervicogeniche?

In questo tipo di VERTIGINI, oltre ai soliti sintomi, s’individuano anche: rigidità della nuca, crampi, formicolii, sensazione di freddo ed altro, tutti elementi che, se non valutati in modo tempestivo e opportuno, rischiano di dar vita a sintomatologie complesse di natura cronica.

È evidente che i movimenti della testa e degli occhi devono essere coordinati da una azione armonica. Un’ipermobilità del rachide cervicale superiore, che dirige il movimento della testa in modo troppo rapido ed ampio, spezza questa relazione armonica creando turbe interferenziali nel meccanismo di adattamento posturale e facilitando l’insorgenza di sindromi vertiginose acute.

Si ricorda inoltre che la parte anteriore del cranio è condizionata dalla relazione armonica esistente tra mandibola sospesa al temporale (ATM), colonna cervicale, osso ioide, e sistema muscolare connesso; un’alterazione dell’occlusione, quindi, deve essere presa in considerazione.

Esiste una correlazione anatomica e funzionale tra i muscoli nucali e i muscoli oculomotori:

ogni stimolo visivo che sollecita la nostra attenzione indirizza il nostro sguardo per il tramite di due azioni muscolari:

– l’azione della muscolatura estrinseca dell’occhio (muscolo retto superiore, inferiore, mediale e laterale e muscolo obliquo superiore ed inferiore) che dirige l’occhio.

– L’azione dei muscoli nucali (muscolo grande retto posteriore, piccolo retto posteriore, grande obliquo e piccolo obliquo) che dirige la testa.

Questo motiva il fatto che molto spesso le vertigini siano provocate  da movimenti bruschi della testa o dal girare velocemente gli occhi in una direzione

Esiste una correlazione con l’età del paziente??

La vertigine è un problema purtroppo comune nella popolazione anziana. In paragone alle persone più giovani, la vertigine negli anziani è più persistente, ha più origini, è meno probabile che sia causato da un problema psicologico ed è più incapacitante (Davis L, 1994). Le due fonti principali della vertigine in persone anziane sono l’orecchio (vestibolare periferico) e il cervello.

La popolazione anziana, a causa dell’alta incidenza di artrosi e di disturbi cervicali, è dunque più soggetta alla vertigine cervicale.

Come la Valutiamo??

La valutazione della vertigine dovrebbe includere un’anamnesi generale e l’esame fisico. Un’anamnesi pertinente includerebbe la durata, il periodo di manifestazione ed i fattori precipitanti, tali come un cambiamento della posizione, perdita dell’udito, disturbo dell’andatura e cambiamenti neurologici unilaterali dovrebbero richiamare l’attenzione durante l’anamnesi.

Esami di laboratorio basici, sono importanti per differenziare il capogiro dalla vertigine. L’esame fisico dovrebbe includere un esame neurologico completo, così come una valutazione Osteopatica del tratto cervicale. Ulteriori esami possono includere un audiogramma e un elettronistagmogramma; RMN o TAC sono utili alla diagnosi dei neuromi acustici.

È importante notare che la vertigine nella vecchiaia può essere relazionata a una disfunzione vestibolare.

La valutazione del tratto cervicale, si valuteranno i muscoli del collo, lo Scom (sternocleidoccipitomastoideo), gli scaleni e il trapezio, annotando i cambiamenti dei tessuti, tender point e asimmetrie. La stessa procedura di analisi verrà applicata durante il movimento passivo nelle stesse zone.

Importante è palpare la posizione dell’occipite, così come la traslazione laterale dell’atlante (prima vertebra cervicale) ed esaminare le eventuali restrizioni della rotazione dell’atlante. Dopodiché, valutare più in basso il rimanente tratto cervicale, palpando le vertebre cervicali inferiori, valutando la loro flessione ed estensione, così come la rotazione e la traslazione laterale.

Come funziona il trattamento?

Il trattamento osteopatico della vertigine cervicale è direzionata verso la correzione della Disfunzione osteopatica. Possono essere applicate tecniche dirette come indirette per ridurre la restrizione.

Le tecniche di energia muscolare e dei tessuti soffici sono alquanto utili per ridurre lo spasmo dei muscoli dello sternocleidomastoideo, degli scaleni, paracervicali e del trapezio. La tecnica di counterstrain e il rilascio legamentoso articolare possono fornire una riduzione eccellente e tollerabile della restrizione delle vertebre cervicali.

Comunque, la manipolazione più utile e efficace della vertigine cervicale è una combinazione di varie modalità, inclusa l’abilità del paziente di collaborare.

Vi presento un caso

Una donna di 46 anni è stata ammessa in ospedale con una manifestazione di vertigine vorticosa, accompagnata da nausea e vomito, dichiarando di non provare alcun dolore toracico o segni di carattere neurologico. Le analisi di laboratorio non evidenziavano carenze o deficit.

La paziente è stata trattata e inviata a casa con una cura farmacologia.

Dopo pochi giorni è ritornata in ospedale per episodi continui di vertigine. Di nuovo, non c’erano segni neurologici di lateralizzazione unilaterale, e il suo esame fisico non ha rivelato nessuna anormalità. Sono stati effettuati un esame TAC della testa e un Doppler della carotide. Entrambi erano dentro i limiti normali. La RX del tratto cervicale ha dimostrato una marcata rettilinizzazione del tratto cervicale.

In seguito, è stata sottoposta ad una valutazione neurologica, ed è stata diagnosticata, in quel periodo, una insufficienza vertebrale-basilare.

Terminati questi esami clinici la paziente si è presentata presso il nostro studio, abbiamo rilevato tramite la prima visita osteopatica una disfunzione somatica delle vertebre C1-C2 e D1-D4.

Quindi abbiamo iniziato i Trattamenti Osteopatici una volta a settimana per le prime 2 settimane poi il controllo a un mese circa.

Consistevano in: Rilascio Articolare Legamentoso con tecniche Strain e Counterstrain alle vertebre cervicali superiori e toraciche, e le strutture del tessuto morbido ad esse relazionate. Trattamento cranio sacrale volto al riequilibrio dello stesso.

Entro due settimane, la paziente ha dimostrato un miglioramento significativo e continuato progressivamente nel mese, ora svolge una routine di mantenimento con un trattamento ogni 2 mesi circa presso il nostro studio.

DOTT. LUCA DAMIANI

 

footer

Info

INDIRIZZO Via G. Verdi 10/12 Albano Laziale RM
EMAIL info@albamedica.it
TELEFONO/FAX 06 9369074

Ultime News

© 2017 Albamedica. All rights reserved.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi